Autumnia 2019: grande successo e boom di presenze

Raddoppiati rispetto al 2018 i visitatori sabato e domenica a Figline, per vedere all’opera Damiano Carrara e per fare acquisti di qualità tra gli stand. Apprezzatissime anche le iniziative culturali e family friendly

Boom di presenze alla 21^ edizione di Autumnia, la manifestazione dedicata ad Ambiente, Alimentazione e Agricoltura, che quest’anno si è svolta da venerdì 8 a domenica 10 novembre attirando in centro a Figline migliaia di visitatori (raddoppiati, rispetto allo scorso anno, sia nella giornata di sabato che in quella di domenica).

Tanti i momenti di affollamento in città: dalla mattina di sabato, quando nell’area cooking è arrivato il famoso pastry-chef Damiano Carrara, per il quale i visitatori si sono messi in fila già dalle 9 (per assistere alla sua lezione di cucina, per scattare un selfie in sua compagnia o per richiedere un autografo o la registrazione di un messaggio vocale) alla domenica, che ha registrato il record di presenze nell’arco di tutta la giornata, pronte a fare scorte di eccellenze territoriali o di prodotti provenienti da altre regioni d’Italia e d’Europa.

Sempre nell’area cooking, è stata molto apprezzata anche la presenza di “Mirror Me”, uno specchio funzionale a scattare e a stampare le foto ricordo di Autumnia 2019, come hanno fatto centinaia di persone. Inoltre, nei 90 posti a sedere dell’area, si sono alternati passanti ma anche spettatori abituali della trasmissione “Tadà”, in onda su RTV38, che ha curato insieme a Gola Gioconda il programma della tre giorni nell’area cooking. È lì che, oltre ai cooking show di volti più o meno noti del mondo della cucina, si è colta l’occasione per declinare in senso sociale e culturale il messaggio “Cambiamo Clima”, sottotitolo dell’edizione 2019 di Autumnia.

A prender parola sono stati: Ivana Vamp, nota Drag queen che ha parlato (con l’ironia e la simpatia che la contraddistinguono) di diritti LGBT e di diritto a sentirsi normali, nel rispetto delle diversità e delle peculiarità di ognuno; l’astrofata Aline, che nello spiegare l’oroscopo del mese, segno per segno, ha anche invitato a modificare il nostro rapporto con la natura, con la produzione, con il consumo e con il possesso e a rivoluzionare la nostra catena alimentare, per una vita più salutare; alcune nutrizioniste, tra cui Emma Balsimelli, spesso ospite di programmi televisivi, anche RAI, che si è concentrata su stili di vita sani, da adottare a tavola e nella vita quotidiana; alcuni comitati di cittadini (come “Piantiamola” e il circolo del Burchio), che hanno invitato il pubblico ad unirsi alle loro attività periodiche di raccolta rifiuti abbandonati.

rande successo anche per le attività per bambini, che si sono svolte in quasi tutte le aree della manifestazione. In particolare, i più piccoli hanno avuto modo di interagire con animali da fattoria, di assistere alle esercitazioni della Protezione civile e di sperimentarne alcune attività, di fingersi pompieri, di testare vari strumenti di nuovi e antichi mestieri (dal fattore al fabbro) e di partecipare ai tantissimi laboratori e giochi presenti tra gli stand delle associazioni o delle varie Istituzioni presenti, come il Consorzio di Bonifica Alto Valdarno.

Infine, non sono mancate le attività culturali, tra cui visite guidate a luoghi di interesse turistico del territorio, come il Palazzo Pretorio, dove è in corso la mostra “Una miniera per il Valdarno”.

Anche la biblioteca Ficino ha partecipato attivamente alla festa, con l’inaugurazione della mostra “La mia arte in ferro” di Arturo Badii (visitabile fino al 7 dicembre) e con una colazione consapevole, in compagnia di un docente di cucina e di una nutrizionista. Moto apprezzate anche le novità dell’edizione 2019, cioè le luminarie in vicoli, strade e corsi cittadini, e l’illuminazione del Palazzo Pretorio di Figline, che dopo aver colorato il centro per la tre giorni rientreranno in funzione per il periodo natalizio (già a partire dal 30 novembre).

Infine, in occasione di Autumnia, le rotonde e alcune strade della città sono state arricchite di arredi verdi, che verranno tutti riutilizzati e ripiantati nei giardini del territorio. A questo proposito, si ricorda che sono circa 20 le piante che sono già state messe in posa nei giardini del territorio in occasione della fiera e che ulteriori 20 arriveranno nel giardino di via del Nanniccione, nell’ambito della Festa dell’Albero (in programma per la mattina dell’8 novembre ma rimandata a causa della pioggia).

“Complice le condizioni meteo, che ci hanno concesso una tregua per il sabato e la domenica, anche questa edizione è stata un grande successo – ha commentato la Sindaca Giulia Mugnai -. Quest’anno abbiamo scelto il tema ‘Cambiamo clima’ perché, per tutelare l’ambiente, dobbiamo imparare a mangiare più sano, a rispettare la tradizione e la stagionalità, in dispensa e in agricoltura, e adottare uno sguardo meno consumistico e più ecosostenibile. Ma, soprattutto, abbiamo bisogno di recuperare il senso di comunità e di riscoprire le relazioni sociali. È stato bello stare tutti insieme, ritrovarci, vedere i bambini divertiti accarezzare gli animali alla stalla, dare visibilità ai produttori locali, salutare le scuole, le associazioni sociali e di protezione civile, promuovere il territorio e metterlo in mostra, in tutta la sua varietà, valorizzare con le luci il nostro bellissimo centro storico, oltre che vedere all’opera esperti di cucina e pasticceria, primi tra tutti i ragazzi del Vasari, che ancora una volta si sono impegnati in tantissime attività. E allora grazie: agli sponsor, ai visitatori, agli espositori, alle associazioni, alla macchina organizzativa, ai dipendenti comunali e a tutti coloro che hanno reso possibile la buona riuscita di questa festa, visitatori compresi”.

 

Articolo di Benedetta Marziali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *