A Cavriglia sabato 16 dicembre la giornata di studio sul Mithra

L’Auditorium del museo di Castelnuovo dei Sabbioni ha ospitato il convegno su Mithra e sul Mitraismo che ha visto la partecipazione di alcuni dei massimi esperti della materia a livello nazionale. L’evento è stato anche un’altra occasione per ammirare la mostra “Mithra, un dio

orientale in Valdarno”, aperta ad ingresso gratuito al Mine fino

al prossimo 31 dicembre.

Sabato 16 dicembre, nella sala dell’Auditorium del Museo Mine, si è tenuta una giornata di studi su Mithra che ha dato l’opportunità ai partecipanti di capire a fondo quali sono le origini di questa religione che in territorio europeo venne cancellata con l’avvento del Cristianesimo. Inoltre, visto che la Mostra su Mitra si chiuderà il 31 dicembre e l’opera tornerà al Museo Archeologico di Arezzo, l’evento è stato uno degli ultimi giorni disponibili per visitare l’esposizione che ha davvero ottenuto un risultato storico per l’intera comunità del Valdarno.

Il culto del dio è stato presentato a partire dalle sue origini iraniane e poi accompagnato attraverso i confini dell’impero romano. E’ stata analizzata la sua diffusione in Occidente e nello specifico nella regione dell’antica Etruria, infine sono state individuate le influenze che questo culto misterico ha avuto nella genesi di alcune tra le associazioni di carattere iniziatico, diffusesi in Europa nel corso del Sette e Ottocento.

Igor Baglioni, direttore del Museo delle Religioni “Raffaele Pettazzoni” di Velletri, ha introdotto il concetto di rito misterico, Tommaso Gnoli, docente di Storia romana presso l’Università degli studi di Bologna, ha illustrato il passaggio storico dal culto orientale di Mithra a quello occidentale, Vittoria Canciani, dottoranda presso Università degli Studi di Verona e Ghent University, ha analizzato le strutture dei luoghi di culto di Mithra, concentrandosi sugli esempi toscani, e Stefania Berutti, archeologa collaboratrice di CAMNES e curatrice della sezione relativa a Mithra della mostra, ha rintracciato l’ispirazione mitraica nelle società esoteriche dal tardo Medioevo fino all’età dei Lumi. Il Vicesindaco di Cavriglia Filippo Boni, ha ricordato l’impegno culturale dell’amministrazione comunale, mentre il cavrigliese Stefano Valentini, co-direttore di CAMNES Centro Internazionale di Ricerca, formazione e tutela per l’Archeologia del Mediterraneo e del vicino oriente, ha ribadito la collaborazione appunto di Camnes per l’evento su Mithra e per i progetti futuri.

Nonostante il maltempo che ha contraddistinto la giornata tante persone hanno assistito al convegno di fronte al gruppo scultoreo rinvenuto nel 1974 dagli allora ragazzi Gianni Grotti e Mauro Ferrucci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *