“Una comunità che educa”: il percorso di formazione sul mondo degli adolescenti. Lunedì il primo incontro

L’Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Reggello in collaborazione con Istituto Comprensivo di Reggello e Lions Club Valdarno Host con il patrocinio della Regione e della Città Metropolitana ha ideato un percorso di formazione sul mondo degli adolescenti dal titolo “Un comunità che educa”.

 

DI CHE COSA SI TRATTA IL PROGETTO?

Il progetto consiste nella creazione di un percorso di formazione in grado di fornire, a tutti coloro che hanno a che fare con il mondo adolescenziale, conoscenze strumenti ed abilità per entrare in relazione con i ragazzi e soprattutto riuscire a rispondere alle loro richieste sapendo riconoscere quello che di celato il giovane non riesce ad esprimere. L’intento è quello di promuovere questo percorso per coloro che interagiscono con gli adolescenti in contesti non casalinghi. Sono infatti i formatori, gli allenatori delle società sportive, gli educatori parrocchiali che interagiscono con i giovani e che hanno un osservatorio continuo di tali dinamiche. Ognuno dei soggetti a cui è rivolto il progetto ha una relazione diretta con i ragazzi, deve saperne comprendere il mondo intimo e saper essere di aiuto in caso di urgenza.

 

Quattro sono gli obiettivi specifici del progetto: fornire ed approfondire le conoscenza sull’adolescenza, mettere in comunicazione il mondo degli adulti con il mondo dei giovani, creare occasioni di confronto ed incontro, facilitare nell’educatore una maggiore capacità di lettura del disagio giovanile.

Il progetto prevede un totale di 6 incontri: 4 tematici rivolti esclusivamente ai formatori e due aperti a tutti. Il primo incontro sarà pubblico, dunque rivolto a tutti e con particolare attenzione ai genitori ed è previsto per lunedì 5 febbraio alle 21 in Biblioteca Comunale, tema della serata “conoscere, capire, proteggere, educare gli adolescenti di oggi”, relatore sarà il professor Ezio Aceti psicologo dell’età evolutiva, autore di numerosi volumi su tematiche pedagogiche.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *