Crt: più 10% di premio di produzione e potenziamento del welfare aziendale

I dipendenti della Clinica Riabilitazione toscana che utilizzano i cosiddetti servizi di welfare (cioè beni e servizi per formazione, cultura, trasporti, salute, …) avranno un incremento del 10% del premio di produzione destinato a essi.

Insieme alle organizzazioni sindacali, la clinica ha infatti deciso di aggiungere risorse destinate a un uso più intensivo degli strumenti legati alla Responsabilità sociale dell’impresa. I miglioramenti non sono soltanto quantitativi.

Si sono ampliate infatti le tipologia di spese ammissibili nonché la platea di chi le può sostenere.

Fino a oggi le spese per essere considerate nel welfare e perciò rimborsabili, erano solo quelle sostenute per figli o genitori a carico e potevano far riferimento esclusivamente a libri scolastici, badanti o abbonamenti per trasporti pubblici. Con il nuovo accordo, la gamma delle attività si è allargata ad attività culturali quali il teatro, sportive quali palestre e attività agonistiche sia del dipendente che di suoi familiari anche non conviventi.

E’ stata allargata la platea dei soggetti erogatori dei servizi e dei prodotti sia a gruppi di distribuzione di livello nazionale sia a realtà locali. E questo anche sulla base dei suggerimenti e delle indicazioni fornite dai dipendenti Crt.

E nel welfare aziendale entrano anche le nuove tecnologie: è stata infatti attivata una piattaforma informatica, collegata con il portale del personale e con la quale ogni dipendente può impostare e gestire il suo programma di welfare.

Questo nuovo sistema, frutto dell’accordo sindacale, sarà attivo dal prossimo mese di ottobre con importanti vantaggi al personale dipendente, con il miglioramento del clima aziendale e con la piena trasparenza delle attività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *