Figline al Salone del Gusto di Torino: presentazione di Autumnia 2018 e del progetto Cibiltà

Dal 20 al 24 settembre, i Comuni del Valdarno Superiore guidati da Slow Food parteciperanno alla XII edizione della manifestazione Terra Madre – Salone del Gusto, a Torino.

È lì che saranno ospitati dal padiglione Toscana (padiglione n.2) e avranno modo di presentare i loro progetti e le numerose eccellenze agroalimentari che caratterizzano il territorio.

Anche il comune di Figline e Incisa Valdarno era ed è tra gli stand: il comune ha presentato ieri, domenica 23 settembre, l’edizione 2018 di Autumnia e il progetto sulla lotta allo spreco alimentare, Cibiltà (che si pone l’obiettivo di educare al consumo di cibo in chiave anti-spreco).

Il tema del riuso e del riciclo, anche in cucina, sarà infatti centrale sia nelle iniziative previste dal progetto e nella relativa campagna di comunicazione (a cura di Achab Group) sia nell’area cooking di Autumnia 2018, che dedica il suo ventennale proprio alla lotta agli sprechi (appuntamento in centro a Figline, il 9-10-11 novembre).

L’idea nasce da una riflessione sulle abitudini quotidiane dei cittadini (ogni italiano spreca mediamente 36 kg di cibo) e da un paradosso: se, da un lato, nei prossimi anni ci sarà la necessità di incrementare la produzione di cibo del 60-70% per nutrire una popolazione crescente, dall’altro nel mondo si spreca oltre un terzo del cibo prodotto, di cui l’80% è ancora consumabile. Il cibo, di media, viene sprecato per il 42% in ambito familiare, per il 39% direttamente in fase di produzione, per il 14% nei servizi di ristorazione e per il 5% nella fase di vendita.

Saranno quindi le scuole, le famiglie, i ristoratori e le strutture ricettive del territorio gli alleati del comune in questa battaglia, attraverso la realizzazione di attività di formazione e informazione e attraverso l’introduzione delle Family bag, ovvero degli appositi contenitori pensati per permettere ai clienti di portare a casa il cibo ordinato e non consumato interamente, in modo da evitare che ciò che rimane nel piatto finisca in pattumiera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *