Gioco d’azzardo: via libera sulla nuova legge. La soddisfazione di Simona Neri

La Responsabile Anci Toscana per il progetto “Ludopatie e Bullismo” Simona Neri esprime soddisfazione per la conclusione dell’iter di modifica della legge sul tema del contrasto al gioco d’azzardo patologico.

La proposta di modifica inviata alla Regione a firma congiunta con il Presidente Biffoni nel novembre 2016 è stata infatti interamente recepita nei contenuti proposti, tra i quali si evidenzia: l’inserimento tra i luoghi sensibili delle scuole dell’infanzia, gli sportelli bancomat ed i compro‐oro, l’introduzione dell’obbligo di formazione per gestori e personale operante nell’ambito dei centri scommesse.

“Con 1.570 euro di spesa procapite annua, comprensiva di popolazione minorenne, l’Italia è il primo mercato del gioco d’azzardo in Europa e il terzo mercato nel mondo. Un giro d’affari che ha raccolto nel corso del 2016, 96 miliardi di euro, cui si aggiungono quelli ricavati illegalmente dalle mafie. Più del 5% del Pil, praticamente la terza impresa del Paese, fiorente e in crescita. Un dato che si presenta allarmante anche in Toscana dove il totale giocato è stato di circa 5 miliardi e 854 milioni di euro e in più della metà delle Province toscane viene addirittura superata la spesa procapite nazionale (Lucca, Massa Carrara, Prato).”

Simona NeriL’esperienza del tavolo ludopatie di Anci Toscana è nata proprio dalla necessità di tutelare le fasce più deboli della cittadinanza da un disagio che diventa sempre più percettibile e trasversale e di fare la nostra parte, come Enti Locali, inserendosi nella grande rete territoriale che coinvolge l’Azienda Sanitaria, Le Forze dell’Ordine, le Categorie Economiche ed un mondo dell’associazionismo attento e sensibile. Esprimo quindi la mia grandissima soddisfazione, dopo il Regolamento sul Gioco Lecito abbiamo concretizzato un’altra importante proposta per contrastare lo sviluppo di una patologia che porta danni psicologici, familiari, relazionali, socio‐economici, e che spesso spinge a compiere atti illeciti. Le novità introdotte sono tante ed importanti, rendono la nostra una Regione tra le più aggiornate sul tema, anche alla luce delle misure concordate in sede di Conferenza Unificata dove importanti provvedimenti per la limitazione della diffusione delle slot sono stati concordati tra Stato, Regioni ed Enti Locali.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *