Giornata mondiale della salute, punti di forza e criticità dei vari territori. In Valdarno malattie cardiache, cerebrovascolari e il diabete

Domenica 7 aprile giornata mondiale della salute:  un tema che assume nel nostro Paese un significato particolare data la ricorrenza dei 40 anni del Servizio sanitario nazionale, che sancisce il diritto alle cure per tutti. La giornata è l’occasione per richiamare i decisori di tutto il mondo ad adoperarsi concretamente per l’obiettivo della copertura sanitaria universale, in modo da garantire a ciascuno e in ogni luogo, servizi sanitari di buona qualità e senza barriere economiche.

“Il livello di istruzione, le condizioni socio-economiche, gli stili di vita ed il progressivo aumento delle persone anziane, incidono sullo stato di salute di un territorio – spiega Enrico Desideri direttore generale Asl Toscana sud est – E’ per questo che è necessaria una programmazione sanitaria che tiene conto delle caratteristiche di ogni territorio ed un investimento strutturato in comunicazione, per far conoscere ai cittadini i servizi che hanno a disposizione ma anche l’importanza di corretti stili di vita. Per individuare i soggetti a rischio e dare risposte concrete, abbiamo elaborato e stiamo già sperimentando il progetto delle Reti cliniche integrate e strutturate, che prevede una stratificazione dei cittadini per classi di rischio ed una gestione coordinata tra Ospedale e Territorio.”

La programmazione sanitaria e l’organizzazione del modello clinico assistenziale tiene conto delle caratteristiche del territorio, per dare ad ogni Zona servizi quanto più possibile mirati al mantenimento e miglioramento dello stato di salute.

LA SITUAZIONE IN PROVINCIA DI AREZZO

La fotografia della provincia Aretina, rispetto al resto della Toscana e dell’Italia mostra condizioni di salute buone ma, nel confronto, ci sono Zona per Zona alcune differenze.

In Valtiberina, ad una più bassa mortalità per le patologie tumorali si contrappone una lieve crescita di mortalità per cardiopatia ischemica nell’uomo e per patologia cerebrovascolare nelle donne. Gli infortuni sul lavoro sono maggiori rispetto al resto della provincia.

Il Casentino ha una popolazione sempre più anziana e con un basso tasso di natalità. Le principali cause di mortalità sono: infarto, malattie cerebrovascolari, tumore allo stomaco e al seno. Viene evidenziato un alto numero di incidenti stradali.

La Valdichiana si caratterizza per una popolazione più giovane, con molti stranieri e reddito medio più basso, ma più occupata. Le malattie cardiopatiche e cerebrovascolari hanno un’incidenza sopra la media. Significativa la percentuale delle demenze. Invece è in diminuzione la mortalità per tumore. Anche qui il numero degli incidenti stradali è elevato.

I cittadini del Valdarno hanno un reddito imponibile medio più alto delle altre Zone e allo stesso tempo un tasso di disoccupazione inferiore alla media regionale. E’ piuttosto alta l’incidenza delle malattie cardiache, cerebrovascolari e del diabete.

La popolazione più giovane rispetto alla media regionale è nella Zona Aretina, dove si registra anche una bassa mortalità per tumore, ad eccezione per il tumore allo stomaco per gli uomini e tumore del pancreas e polmone per le donne. E’ in crescita la mortalità per le malattie respiratorie e demenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *