Gli animali non conoscono le strisce pedonali: sensori per avvertirli

I movimenti e la diffusione degli animali sulle strade provocano, sempre più spesso, incidenti che, oltre ad essere motivo di preoccupazione per l’incolumità degli automobilisti, hanno grosse ricadute economiche per i risarcimenti dovuti.

Il progetto “Life Strade” coinvolge tre Regioni – Umbria, Marche e Toscana – e cinque Province italiane: Perugia, Terni, Siena, Grosseto e Pesaro Urbino. Su alcuni tratti di strade considerati più a rischio sono stati istallati dei sensori che  emettono un suono in grado di allontanare l’animale ogniqualvolta questo si accinge ad attraversare la strada in concomitanza del passaggio di un autoveicolo.

In caso di incidente con un animale selvatico, si raccomanda di avvisare subito le forze di polizia. A questo proposito “Life Strade” ha creato anche una App, che permette a chiunque di segnalare la presenza sulle strade di animali investiti ed aiuta ad individuare le strade a rischio di incidenti con la fauna selvatica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *