Guasto in via Vespucci, Chiassai chiede spiegazioni a Publiacqua: “Inaccettabile la carenza di informazioni. Richiesta una relazione sull’accaduto”

E’ stato un fine settimana nero sul fronte del servizio idrico a Montevarchi.

Il Sindaco Silvia Chiassai Martini, proprio a seguito del guasto in via Vespucci e le traverse limitrofi, ha scritto ufficialmente a Publiacqua chiedendo una relazione ufficiale e spiegazioni dettagliate su ogni lamentale riscontrata per le valutazioni del caso comprese eventuali azioni da intraprendere su quanto accaduto.

“Non passeremo sopra a quanto avvenuto in questo fine settimana – afferma il Sindaco Chiassai Martini –  andremo fino in fondo nella difesa dei nostri cittadini che pagano bollette salate e che devono ricevere un servizio efficace, pronto e soprattutto in grado di fornire informazioni corrette in ogni situazione. Sono la prima ad essere particolarmente amareggiata per le modalità con cui è stato affrontato il guasto in Via Vespucci che conferma l’ennesima inadeguatezza di Pubbliacqua, mettendo in difficoltà le stesse amministrazioni comunali. Ho scritto ufficialmente al gestore avendo ricevuto numerose lamentele dai cittadini per il forte disagio sopportato dalla mancanza di fornitura di acqua, e quindi il funzionamento regolare di un servizio, per circa 2 giorni in un periodo di calura estiva in cui l’acqua diventa una necessità per le attività quotidiane di persone e di famiglie con bambini e anziani.

In questi due giorni, ho seguito costantemente l’evolversi dell’emergenza, insieme all’assessore Salvi e al vice-sindaco Tassi, che si è recato più volte nel luogo del guasto, preoccupandoci della disponibilità di una autobotte visto il dilungarsi delle operazioni di intervento. Resta comunque inaccettabile che di fronte ad un problema così grave, l’amministrazione comunale sia sta avvertita solo tramite le segnalazioni dirette dei cittadini senza ricevere alcuna comunicazione ufficiale da parte di Pubbliacqua. La stesso comportamento è stato tenuto di recente nel caso di Moncioni, in cui contattata da una cittadina, mi sono rivolta verso le 22.00 al responsabile di Pubbliacqua che non sapeva nulla sulle precauzioni richieste alla popolazione nell’utilizzo dell’acqua, malgrado un messaggio telefonico diffuso con un disco registrato ai numeri fissi, finendo per dare un’ informazione alquanto parziale alla cittadinanza. Solo dopo il mio interessamento, sempre su segnalazione, da stamani è stato effettuato l’intervento ad una perdita in via Burzagli che durava da 10 giorni.

Ho chiesto pertanto una relazione dettagliata che ricostruisca formalmente l’accaduto in Via Vespucci, con  le motivazioni per le quali in un cantiere già aperto da Pubbliacqua per la sostituzione delle condutture, sia stata necessaria l’installazione di tre by-pass dovuti, pare, alla presenza di occlusioni e perdite nel tratto preparato ai lavori e le conseguenze sull’efficacia degli interventi svolti, e da svolgere, complessivamente nella zona in questione. Non meno importante le richieste di spiegazioni sul fatto che molti cittadini abbiano iniziato, fin dalla prime ore di sabato mattina, a chiamare il call-center per segnalare la mancanza di acqua nelle abitazioni, ma ricevendo risposte le più disparate e con un atteggiamento considerato inadeguato per un personale che è chiamato ad interfacciarsi  con l’utenza anche in momenti di emergenza.

Così non è possibile andare avanti; i  cittadini, indipendentemente dalla mobilitazione del loro Sindaco, devono avere risposte chiare e interventi celeri perché legati alla fornitura di bene primario per la collettività. Da parte nostra faremo tutti i passi necessari per il rispetto degli accordi con il Comune in cui l’assenza di informazioni e di modalità di gestione spesso inadeguate pesano, a nostro giudizio, sulla qualità e sull’efficienza del servizio erogato”.    

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *