‘Pacchetto scuola’: contributi pronti per 26.700 studenti toscani

Garantire il diritto allo studio agli studenti a basso reddito. Questo è lo scopo del ‘Pacchetto scuola’, lo strumento con cui la Regione Toscana, ormai da anni, realizza questa misura a favore delle famiglie con minor capacità economica per sostenere le spese necessarie per l’acquisto di libri, servizi e altro materiale didattico. Tutti gli studenti che hanno fatto domanda e che sono risultati idonei (26.700 il numero totale) riceveranno presto il contributo, poiché la Regione ha già concluso le procedure di liquidazione delle risorse, in largo anticipo rispetto agli anni passati.

Quest’anno, con l’innalzamento della soglia rispetto allo scorso anno, beneficeranno del Pacchetto scuola quei nuclei familiari che non superano i 15.748,78 mila euro di Isee all’anno.

Per quanto riguarda l’anno scolastico 2018-19, tutti gli studenti che hanno fatto domanda e che, risultando idonei, sono entrati in graduatoria, potranno incassarlo nelle prossime settimane poiché la Regione Toscana ha concluso le procedure di liquidazione delle risorse in questione. I beneficiari sono gli alunni iscritti alle scuole secondarie di primo e secondo grado che hanno fatto domanda ai rispettivi Comuni di residenza.

Si tratta, nel complesso, di oltre 26.700 studenti toscani, con Isee compreso fra 0 e 15.748,78 mila euro, che riceveranno importi individuali per un ammontare complessivo di oltre 5 milioni di euro, fra risorse regionali e statali. A questi si devono aggiungere i beneficiari dei contributi destinati agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado residenti nei Comuni delle isole di Capraia e Giglio che risultano iscritti nelle scuole del continente.

Oltre a raggiungere tutti gli idonei, il contributo della Regione arriverà quest’anno in tempi più rapidi rispetto al passato. Le famiglie degli alunni che frequentano le scuole secondarie, inferiori e superiori, si vedranno infatti liquidare il sussidio già a partire da questo mese di ottobre.

La Regione, quest’anno, ha concluso le procedure più velocemente. Rispetto allo scorso anno, quando già la liquidazione dei contributi è avvenuta in tempi più celeri rispetto all’anno ancora precedente, sono stati di conseguenza ulteriormente velocizzati i tempi di assegnazione del bonus con l’affinamento delle nuove procedure e la semplificazione introdotte lo scorso anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *