Il Pollo del Valdarno

Un tempo le razze del Valdarno erano due. C’era la Nera, una pregiata ovaiola dai riflessi metallici e c’era la Bianca, da carne, che ufficialmente nacque nel 1953 quando fu presentata alla Mostra di Cremona (ma aveva già vinto un premio nel 1925, a Bergamo).
Oggi della prima si è persa ogni traccia, ma la Bianca è sopravvissuta, salvata dalla tradizione contadina di allevare qualche pollo per il consumo familiare. I galli sono alti, slanciati, di grossa coscia e petto piccolo e raggiungono il peso di 2-2,5 kg. Hanno penne bianche (che con il tempo tendono al frumentino), coda a ciuffo con falciformi brevi, cresta rosso sangue, eretta, con cinque o sei denti, bargigli molto sviluppati, orecchioni color crema con venature rosse, becco, zampe e pelle gialli. Le galline sono più piccole (1,5-2 kg) e hanno la cresta piegata. Crescono lentamente e arrivano al peso ottimale dopo quattro, sei mesi. La carne è ottima e sono straordinariamente saporite anche le uova: il guscio – bianco avorio – è più piccolo rispetto alle uova industriali, ma il tuorlo è molto più grande e ha un colore giallo intenso. Area di produzione: Comuni del Valdarno superiore (province di Arezzo e Firenze), Toscana.
A causa dell’impiumamento tardivo, questa razza non può essere allevata in batteria, poiché le aggressioni per beccare i cannoli delle penne che spuntano possono causare la morte dei pollastri. Gli animali, perciò, vengono allevati in terreni recintati dotati di pollaietti per i più giovani, oppure completamente liberi, ma controllati per difenderli dai predatori. Necessitano mediamente di 10 mq di terreno a testa e di solito vengono allevati in zone boscose e nella macchia. Ricevono un’alimentazione mista, in buona parte fornita dal pascolo naturale (questi animali difatti sono dei forti erbivori ed insettivori): il sole e l’aria aperta favoriscono la pigmentazione della pelle. Il pollo del Valdarno viene prodotto prevalentemente per il consumo familiare: la maggior parte degli allevamenti conta dai 20 ai 25 animali, mentre gli allevamenti più grandi (di circa 200-300 capi) sono assai rari. La macellazione viene fatta in azienda se vi sono le strutture adeguate, oppure nei macelli comunali.

Articolo di Benedetta Marziali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *