Il Presidente della Provincia Roberto Vasai risponde al Sindaco Chiassai: “La Provincia di Arezzo non si trova ad un passo dal collasso finanziario”

“La Provincia di Arezzo non si trova ad un passo dal collasso finanziario” precisa il Presidente Roberto Vasai, “in risposta alle affermazioni, infondate, formulate dalla Consigliera Silvia Chiassai Martini, Sindaca di Montevarchi.”

“Infatti”, prosegue il Presidente, “se la Consigliera fosse stata presente a tutta la seduta del Consiglio avrebbe potuto apprezzare la complessità delle considerazioni e delle valutazioni operate nel corso del dibattito e che hanno aperto la sessione dei lavori per la approvazione del Conto Consuntivo 2017, del Bilancio di Previsione 2018 e del Bilancio Triennale 2018-2020, con la decisione di due date, nel prossimo mese di aprile, per la convocazione del Consiglio Provinciale e dell’Assemblea dei Sindaci, per la approvazione di un Bilancio perfettamente conforme alla vigenti disposizioni di legge. Non siamo, dunque, di fronte, ad alcun fallimento, ma a dover proseguire nell’affrontare una situazione oggettivamente complessa, sotto il profilo finanziario ed istituzionale, che accomuna tutte le Province. Analoghe considerazioni per l’altra proposta di Deliberazione. La Consigliera non ha colto le motivazioni ed il significato di una proposta di Deliberazione che si innesta in un progetto di altissimo valore culturale, politico, sociale, universalmente riconosciuto, realizzatosi fino dalla fine degli anni novanta nel Borgo di Rondine, in Comune di Arezzo, realizzato per l’impegno e la cura di Rondine Cittadella della Pace. Non ha colto la Consigliera, che ha lasciato la sede del Consiglio dopo meno di mezz’ora dal suo inizio, che la Deliberazione prevedeva solo il mero avvio di procedure per lo sviluppo del “Progetto Rondine”, secondo indicazioni condivise all’unanimità dalla Fondazione Rondine alla quale partecipano la Regione Toscana, la Provincia di Arezzo ed il Comune di Arezzo, e per il quale hanno manifestato interessamento a contribuire economicamente, sia la Regione Toscana che il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, sia importanti esponenti del mondo imprenditoriale aretino”. Conclude Vasai: “Vorrei tranquillizzare la Consigliera. Non è dunque per i suoi fugaci e saltuari interventi che la Provincia è salva, ma per il senso di responsabilità e l’impegno della maggioranza. Resta immutato l’impegno e la volontà dell’Amministrazione per lo sviluppo del “Progetto “Rondine”, secondo lo stile fino ad oggi tenuto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *