A rischio l’attività ispettiva dell’Inps. Marco Rossi: “Modificare il decreto contestato dagli ispettori”

A rischio l’attività ispettiva dell’Inps. L’allarme viene dagli stessi operatori che hanno inviato una lettera al Comitato Provinciale dell’istituto che ha condiviso le ragioni della preoccupazione. Gli ispettori si preparano a non garantire più la disponibilità ad anticipare le spese e a utilizzare il mezzo proprio per svolgere le ispezioni. Il rischio ? Calo di produttività, mancato raggiungimento degli obiettivi e disservizi all’utenza.

Il problema – ricorda Marco Rossi, Presidente del Comitato Provinciale Inps – è il forte ritardo con cui   procede l’organizzazione del    nuovo Ispettorato Nazionale del Lavoro. L’Inps aveva un bel sistema di accertamento ispettivo che garantiva un’importante recupero omesso utile anche al bilancio dell’Istituto“.

Il Comitato Provinciale Inps ha quindi manifestato “una  forte preoccupazione” ritenendo necessario   “mantenere alta l’attenzione sulla questione auspicando al tempo stesso  una veloce risoluzione evitando oltre al forte disagio  degli ispettori anche una possibile  ricaduta negativa  per l’accertamento dell’evasione contributiva”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *