A Sangiovanni arrivano i Campionati Regionali di Robotica: tre giorni di iniziative, eventi e mostre

Per tre giorni, da venerdì 16 a domenica 18 marzo 2018, San Giovanni Valdarno diventerà la capitale regionale della robotica.

Il merito va all’ISIS Valdarno che, con il patrocinio e la collaborazione dell’Amministrazione Comunale, la collaborazione della Confcommercio si è fatto promotore del progetto “Robocup Junior Academy” a fianco di altre ottanta scuole toscane, delle Università di Firenze, Siena e Pisa e della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa.

L’iniziativa vedrà protagonisti nella città del Marzocco i migliori studenti da tutta la Toscana, che venerdì 16 marzo 2018 si sfideranno nella palestra dell’ITT “G. Ferraris” per aggiudicarsi un posto alle finali nazionali di robotica.

L’obiettivo è quello di realizzare i migliori robot per garantirsi un biglietto di sola andata per Trento, sede della finalissima che si terrà dall’11 al 14 aprile prossimi al teatro Maggiore.

La “Robocup Junior Academy” è stata presentata questa mattina, martedì 13 marzo, durante la conferenza stampa che si è svolta in Palazzo d’Arnolfo, alla presenza del Sindaco Maurizio Viligiardi, del dirigente scolastico dell’ISIS Valdarno Lorenzo Pierazzi, dell’USR per la Toscana rappresentato dal dirigente Tecnico Roberto Martini, della responsabile della delegazione Confcommercio Laura Cantini, del Cav. Fabrizio Bernini, presidente di Zucchetti Centro Sistemi, e Alessandro Berti di Moretti spa.

TRE GIORNI DI INIZIATIVE:

Le competizioni saranno d’apertura ad una lunga serie di iniziative che interesseranno non solo la scuola, ma l’intera città di San Giovanni Valdarno: sabato 17 marzo alle 9:30 si terrà un workshop con i robot a cura della Rete Robotica di Lucca e degli allievi dell’ITT “G. Ferraris”, sede dell’incontro; alle 11 si passerà alla dimostrazione della squadra “On Stage” dell’I.C. “Busoni Vanghetti” di Empoli, forte dei suoi robot capaci di ballare. Nel pomeriggio, invece, l’attenzione si sposterà all’interno della Pieve, in piazza Cavour, dove dalle ore 16 si terrà il seminario di “Robotica educativa e reti”. I lavori saranno presentati dal dirigente scolastico dell’ISIS Valdarno, Lorenzo Pierazzi, seguito dagli interventi delle istituzioni scolastiche della Toscana, dell’Università di Firenze e della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa.

La giornata di chiusura di domenica 18 marzo, invece, avrà come scenario unico il centro storico. Alle ore 16 piazza Masaccio sarà teatro di due dimostrazioni: “Il soccer con i robot”, a cura degli allievi campioni del polo Manetti-Porciatti, e il “Rescue Line”, proposto dai ragazzi dell’ITT “Ferraris”. In Corso Italia, infine, spettacolo allo stato puro e tanta animazione con “Alien Laser Show” dove saranno protagonisti dei performers con armature luminose a led e robot grazie alla regia di Confcommercio.

 

«Un fine settimana all’insegna della robotica, un mondo scientifico che racchiude in se ,molteplici conoscenze e competenze e che segna ogni giorno di più lo sviluppo industriale e culturale. – Ha affermato Maurizio Viligiardi, Sindaco di San Giovanni Valdarno – Per noi è un grande onore essere sede dei campionati regionali e di avere come capofila del progetto un nostro istituto. Ci auguriamo quindi – conclude il Primo cittadino – che San Giovanni Valdarno non sia solo mera sede di un evento, ma possa diventare un vero e proprio punto di riferimento regionale della robotica».

 

«Siamo molto felici di sostenere un evento del genere, che proietta San Giovanni Valdarno nel futuro, direttamente nella “quarta rivoluzione industriale”, in cui avremo a che fare con temi legati all’intelligenza artificiale, alla robotica, alle nanotecnologie”, ha detto la responsabile della Confcommercio sangiovannese Laura Cantini nel suo intervento, “è bene che i giovani si abituino da subito a costruirsi professionalità nuove, di cui il mercato in prospettiva avrà sempre di più bisogno fra qualche anno. I cambiamenti occupazionali vanno previsti per tempo, per evitare quello che invece sta succedendo adesso: da una parte ci sono tante persone che non trovano lavoro perché non sono adeguate alle richieste delle aziende e dall’altra tante aziende che faticano a trovare lavoratori adatti. Un plauso quindi all’ISIS Valdarno per la lungimiranza che dimostra appassionando i suoi studenti alle nuove frontiere della scienza».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *