Scandalo Facebook, dati venduti anche ad aziende cinesi

Il colosso americano Facebook sembra non trovare pace. Dopo lo scandalo dei Cambridge Analityca, un’altra bufera si sta abbattendo sulla società di Mark Zuckerberg. Il social network è accusato di aver venduto dati relativi ai propri utenti a 4 aziende cinesi, tra cui Huawei, considerata dall’intelligence americana una minaccia per la sicurezza nazionale. A rivelare la notizia il New York Times. Le altre società sono Lenovo, Oppo e TCL e l’accordo risale al 2010. Facebook dal canto suo ha confermato l’accordo con Huawei, assicurando però che i dati condivisi con l’azienda cinese sono rimasti nel telefonino e non nei loro server. In ogni caso, ha assicurato Zuckerberg, l’intesa verrà interrotta entro il prossimo week end.

Notizia tratta dal sito www.dire.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *