Treni, nuovo orario invernale: interviene Vincenzo Ceccarelli

Non piace all’assessore regionale Vincenzo Ceccarelli, la mossa di Rfi e Trenitalia contenuta nel nuovo orario invernale, che in sostanza rimuove il problema delle interferenze (e dei cosiddetti ‘inchini’) con l’Alta Velocità per uno dei treni regionali del mattino più usati dai pendolari valdarnesi, il 6604. Una soluzione che penalizza proprio i pendolari, visto che i tempi di percorrenza da Figline a Campo Marte sono stati allungati da 10 a ben 15 minuti: si arriva più tardi in stazione, e così si rimuove alla radice ogni problema. Una soluzione che di fatto non e’ una soluzione e che avvantaggia solo i Frecciarossa.

Ieri il Comitato Pendolari Valdarno Direttissima aveva denunciato pubblicamente questa modifica, chiamando in causa la Regione. a poche ore di distanza, è arrivata la risposta di Ceccarelli: “Siamo basiti di fronte all’accaduto”, dice l’assessore. “Abbiamo scritto ai vertici di Rfi e Trenitalia per contestare, nel metodo ancor prima che nel merito, la scelta fatta con il nuovo orario, senza informare preventivamente la Regione Toscana. Noi abbiamo fatto della trasparenza e della correttezza dei rapporti con i nostri utenti la regola primaria su cui costruire l’intera nostra strategia del trasporto pubblico e siamo abituati ad ascoltare l’utenza ogni giorno, in ogni momento, per misurare le scelte fatte e migliorarle laddove possibile“.

Qui non si tratta di disquisire sull’opportunità di una scelta tecnica, che peraltro noi non avremmo condiviso. – puntualizza Ceccarelli – Qui si tratta di salvaguardare il bene per noi fondamentale, ovvero la credibilità e la correttezza nel rapporto con i nostri cittadini e utenti. Non è per noi neanche immaginabile che si possa partecipare ad un incontro con i comitati dei pendolari, pensato anche per informare sulle novità in orario e per dare risposte alle richieste puntuali che ci erano state rivolte, senza avere la tranquillità della massima trasparenza nell’informazione che si va a fornire. Non possiamo accettare atteggiamenti di questo genere e ci dispiace che sia accaduto“.

Nel merito della questione, infine, ci attendiamo che sia ripristinata al più presto la situazione preesistente, o che sia individuata e condivisa una soluzione eventualmente migliorativa e capace di dare una risposta a quella che era la legittima esigenza da voi rappresentata“, chiude l’assessore regionale Vincenzo Ceccarelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *