Il turismo in Italia migliora ma non abbastanza

In Italia, il turismo interno fatica a riprendersi dalla crisi economica; sempre più l’economia del settore è legata alla crescita degli ospiti stranieri. Ospiti stranieri che ci contendiamo con i principali concorrenti europei, Francia e Spagna (rispettivamente 1a e 2a al mondo per arrivi internazionali), con Stati Uniti e Cina (rispettivamente 3a e 4a al mondo per arrivi internazionali) e con tanti paesi turisticamente emergenti che complessivamente segnano crescite significative. Per quanto riguarda gli arrivi internazionali, nel 2017, rispetto al 2016, l’Italia ha segnato +9,1%, la Spagna +8,6%, la Francia +5,1%; il nostro Paese ha superato l’incremento mondiale (+6,7%) ed europeo (+8,4%), ma è rimasto sotto quello dell’Europa mediterranea (+12,5%). La classifica di rovescia se consideriamo la crescita degli introiti finanziari prodotti dal turismo: Spagna +12,33%, Francia +11,28%, Italia +9,91%.

A livello mondiale, l’Italia si conferma, nel 2017, al quinto posto (dopo Francia, Spagna, USA e Cina) per gli arrivi internazionali e al sesto posto per gli introiti finanziari (dopo USA, Spagna, Francia, Tailandia e Regno Unito) L’andamento positivo del 2017 non basta a risolvere i problemi di fondo, che l’Italia del turismo si porta dietro, via via sempre più acuti, da quando, nel 1970, era la prima meta turistica al mondo con il 7,66% degli arrivi internazionali mondiali. Nel 1990 e nel 2000 la nostra quota di arrivi internazionali era scesa intorno al 6%; e dal 2005 tra il 4,6% e il 4,2%, con il 2017 al 4,4% D’altra parte, come visto in precedenza, i nostri arrivi internazionali producono introiti finanziari sensibilmente inferiori a quelli di molti dei principali paesi concorrenti: nel 2017, ogni arrivo vale in Italia 760 dollari USA, in Spagna 830, in Germania 1.063, nel Regno Unito 1.360, in Tailandia 1.620, negli Stati Uniti 2.700; peggio di noi la Francia con 700 dollari In termini di arrivi internazionali, dal 1990 al 2017 (tabella 6) abbiamo perduto il 28,06% della quota di mercato mondiale, meno della Francia (45,7%), più della Spagna (20,95%); sul mercato europeo la flessione è stata del 14,9%, superiore a quella della Spagna (6,45%) ma molto più contenuta di quella della Francia (35,51%).

“Dagli Anni ’70, quando l’Italia era prima al mondo, ad oggi – dichiara Mario Pusceddu, presidente di ISVRA – la domanda e l’offerta di turismo sono profondamente cambiate, ma i fondamentali turistici del nostro Paese (cultura, natura, enogastronomia) sono tali da non giustificare la posizione subalterna del nostro Paese rispetto a Francia e Spagna. Il Governo dimostri nei fatti, senza i vuoti trionfalismi del passato, di essere capace di invertire la tendenza negativa consolidatasi negli ultimi 25 anni”.

Notizia tratta dal sito www.dire.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *