Variantina: entro aprile partono i lavori

Sarà il 2019 l’anno che vedrà la partenza dei cantieri della “Variantina” alla SR 69, per la quale nel bilancio di previsione sono stati stanziati 2,6 milioni di euro.

Si tratta di un’opera attesa da quasi 30 anni e di cui sono in fase conclusiva le procedure per la realizzazione dell’ultimo tratto, che inizierà dal ponte sul torrente Gagliana e che terminerà in prossimità della rotatoria in zona stadio (per una lunghezza di 600 metri), consentendo di snellire il traffico del centro abitato. Il tratto in questione è diventato di competenza del Comune dal 2014 quando, per beneficio dello sblocco del Patto di stabilità dovuto alla fusione tra Figline e Incisa, si diede l’ok affinché l’ente ricevesse dall’ex Provincia di Firenze (competente in materia) il trasferimento dei fondi regionali necessari a terminare i lavori (oltre 2,5 milioni di euro). È solo nell’estate 2015, però, che quelle risorse furono effettivamente trasferite al Comune, che a quel punto diventò ufficialmente stazione appaltante dei lavori.

Da quel momento in poi, sono tante le procedure propedeutiche alla partenza dei lavori effettuate, cioè: l’acquisizione delle porzioni di terreni privati su cui l’ultimo tratto della Variantina passerà (2016); la revisione del progetto definitivo, ereditato dall’ex Provincia di Firenze; l’aggiudicazione della direzione dei lavori, le procedure per la progettazione esecutiva e il trasferimento di ulteriori 300mila euro da parte della Regione (2018); l’ok ai progetti esecutivi, per poi indire la gara per l’affidamento dei lavori (2018).

Ed è proprio l’aggiudicazione della gara l’ultimo step procedurale prima della partenza dei cantieri. Nel dettaglio, dopo la sua aggiudicazione provvisoria (fissata al 27 dicembre) si procederà con le relative verifiche funzionali all’aggiudicazione definitiva della gara, che avverrà entro il 28 febbraio. A seguire, entro il 31 marzo si potrà quindi procedere con la stipula del contratto con la ditta assegnataria di questi 3,1 milioni di euro lavori, che dureranno 540 giorni e che partiranno a metà 2019, subito dopo le verifiche antibelliche. Si tratta di operazioni di sminamento e di collaudo militare, che saranno effettuate da gennaio e che permetteranno la partenza dei cantieri orientativamente entro il 30 aprile.

Siamo sempre più vicini alla posa della prima pietra di un cantiere che attendiamo tutti da troppi anni e per la partenza del quale stiamo lavorando sin dal nostro insediamento. – ha commentato la sindaca Giulia MugnaiLe procedure burocratiche per opere come questa, purtroppo, sono molto lunghe ma adesso siamo arrivati finalmente ad una fase cruciale, quella dell’individuazione della ditta a cui saranno presto affidati i lavori. Colgo quindi l’occasione per ringraziare la Regione Toscana, e in particolare l’assessore Vincenzo Ceccarelli, che ci ha supportato nella fase di sblocco delle procedure e che ci ha consentito di procedere verso la realizzazione di un’infrastruttura così strategica per il nostro territorio” .

Intanto, restando in tema grandi opere, è in corso la progettazione dei lavori di completamento del Centro Polifunzionale Lambruschini, per il quale sono stati stanziati 4,3 milioni di euro. In particolare, si procederà con il completamento delle pareti lapidee esterne,saranno effettuati interventi strutturali di ripristino e di ultimazione delle opere interne per la posa di tutti gli infissi, per interventi di sistemazione esterna (Giardini Morelli), per la revisione e il completamento degli impianti elettrici e meccanici, nonché per il completamento di tutte le opere architettoniche interne.

Inoltre, dopo l’inaugurazione di via Olimpia di domenica 16 dicembre (nuovo campo, parcheggi e parco intitolato alla partigiana Ricci) e dopo quella di viale Galilei dell’8 dicembre (nuovi marciapiedi, attraversamenti pedonali e 135 alberi), continuano gli interventi di riqualificazione e di messa in sicurezza stradale. Nelle prossime settimane, infatti, a Incisa (centro e frazioni) saranno realizzati 7 nuovi attraversamenti illuminati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *