Apre a Santa Maria Nuova l’ambulatorio di chirurgia artroscopica e del ginocchio

Attivo presso il poliambulatorio dell’Ospedale di Santa Maria Nuova di Firenze l’ambulatorio di alta specializzazione dedicato alla cura di tutte le problematiche articolari trattabili artroscopicamente e, in particolare, della patologia del ginocchio.

Il nuovo servizio partirà giovedì 26 aprile e sarà gestito personalmente dal dottor Giovanni Zaccherotti, attuale direttore di Ortopedia e Traumatologia dell’Ospedale di Santa Maria Nuova, che vanta una notevole esperienza in questo campo sostenuta da un’approfondita attività di ricerca e da una attività chirurgica svolta negli anni.

“La chirurgia artroscopica del ginocchio – dichiara la direttrice del presidio ospedaliero, Francesca Ciraolo – va a integrare l’offerta chirurgica del presidio Santa Maria Nuova, che già comprende la chirurgia generale, bariatrica (dell’obesita) e metabolica, l’otorinolaringoiatria e la chirurgia ginecologica mininvasiva”.

All’ambulatorio si accede, tramite Cup, con richiesta specifica dello specialista ma anche del medico di medicina generale. L’ambulatorio sarà attivo tutti giovedì pomeriggio presso il Poliambulatorio dell’Ospedale.

Per rispondere alla richiesta dell’utenza il servizio è dedicato anche alla diagnosi e alla cura della patologia degenerativa del ginocchio. Negli ultimi 15 anni si è registrato un aumento del 141% di quelle di anca e del 226% quelle del ginocchio. In Italia vengono impiantate ogni anno 100mila protesi d’anca e poco più 85mila di ginocchio. Una caratteristica degli ultimi anni è che il boom degli interventi per l’impianto non riguarda solo gli anziani, ma anche i giovani, tra i quali l’aumento è stato del 145% per le protesi di anca e del 283% al ginocchio.

Oggi è possibile pianificare al computer con assoluta precisione l’intervento chirurgico. Con l’ausilio della tomografia computerizzata siamo in grado di ottenere una progettazione tridimensionale dell’intervento e, mediante la produzione di modelli 3-D del ginocchio, predisporre strumentari chirurgici dedicati per lo specifico paziente. La moderna tecnologia ha permesso di ottenere impianti di maggiore durata in termini di usura, un più precoce recupero funzionale dell’arto operato ed una riduzione significativa del fallimento per questa chirurgia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *