Chiesa di Castelnuovo dei Sabbioni: fulmine cade sul campanile. Le spiegazioni dell’Enel.

Domenica mattina un fulmine è caduto nelle vicinanze della chiesa di Castelnuovo dei Sabbioni, facendo saltare la corrente in tutti i locali parrocchiali.
A raccontare quei momenti è don simone imperiosi, parroco della comunità di Castelnuovo e Neri.
E’ stato proprio il prete, dopo aver sentito odore di bruciato, a far evacuare i fedeli presenti e i 70 bambini, mettendoli al sicuro nelle stanze del circolo.
Il tutto è successo intorno alle 11:30 poco prima dell’inizio della funzione religiosa.
Don Simone racconto come nel locale della centrale termica si siano sprigionate fiamme violente, spente con gli estintori in dotazione.
I vigili del fuoco hanno successivamente messo in sicurezza l’area e fatto i rilievi del caso.
“Grazie a dio nessuno si è fatto male” scrive il parroco sulla propria pagina facebook.
“Ringrazio di cuore tutti coloro che sono prontamente intervenuti, dai presenti alla messa fino ai volontari del circolo che hanno raccolto e tranquillizzato i bambini. Adesso con calma inizieremo i lavori di ripristino e confidiamo sull’aiuto e la vicinanza di tutti”.
Questo l’appello alla comunità di Don Simone, i danni all’impianto elettrico e campanario sono ancora da quantificare ma ci vorrà sicuramente l’aiuto di tutti per riportare la situazione alla normalità.
Sull’episodio è intervenuta in serata anche e-distribuzione, la società del gruppo Enel che gestisce la rete di distribuzione elettrica, precisando che nessun incendio ha interessato la centralina Enel.
” Il fulmine ha coinvolto l’impianto elettrico della chiesa fino al contatore di misura dell’edificio stesso, mentre le protezioni di sicurezza della linea elettrica sono scattate evitando che il tratto di linea elettrica, che alimenta la chiesa, e la cabina elettrica si surriscaldassero e continuando a garantire la continuità del servizio elettrico al paese” si legge nel comunicato emesso dall’ente nazionale.
Sul posto si è recato un tecnico di e-distribuzione per verificare che gli impianti elettrici funzionassero regolarmente.
Enel sottolinea che non si sono verificati disservizi sui propri impianti, se non un breve scatto di linea per l’attivazione delle protezioni. Eventuali Black Out nei dintorni della chiesa di Castelnuovo vengono imputati allo scatto dei salvavita degli impianti privati dei clienti, in seguito alla caduta del fulmine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *