‘Comunicatrice toscana dell’anno’: a ottenere il riconoscimento del Corecom è la valdarnese Elena Favilli

Brogi: “È riuscita a diffondere in tutto il mondo storie di donne che hanno lottato per la loro dignità”. Giani: “Esempio di genio toscano che si è affermato a livello internazionale”. Favilli: “Un riconoscimento che guarda al futuro”

 

‘Comunicatrice toscana dell’anno’ è Elena Favilli. La scrittrice, giornalista e imprenditrice di successo, nata a Montevarchi, vive e lavora a Los Angeles, ha ricevuto il riconoscimento del Corecom, questa mattina, nella sala delle Feste a palazzo Bastogi, dal presidente Enzo Brogi. “Per essere riuscita – Brogi ha letto la motivazione del premio – a diffondere in tutto il mondo storie di donne che hanno lottato per affermare la loro dignità, realizzare i propri desideri e vivere le proprie passioni. ‘Storie della buonanotte per bambine ribelli’, scritto insieme a Francesca Cavallo, ha venduto un milione di copie ed è stato tradotto in 36 lingue”. Le autrici raccontano le straordinarie vite di 100 donne “a cui viene riconosciuto un potere di innovazione, di cambiamento e allontanamento da percorsi predeterminati”. Favilli si è, inoltre, distinta per aver realizzato una start up, denominata Timbuktu, che mette in connessione genitori e figli.

Brogi ha ricordato che il riconoscimento, alla sua prima edizione, viene consegnato a chi si è distinto nella propria attività grazie a spiccate capacità nel comunicare e divulgare, attraverso diversi canali, un tema, un messaggio di rilevanza sociale, un’immagine positiva della Toscana.

“Sono soddisfatta di questo riconoscimento – ha detto Favilli – non solo per il prestigio dell’istituzione da cui viene, ma perché guarda al futuro, ai giovani e mi consentirà a mia volta di consegnare un premio alla migliore tesi dell’anno in comunicazione”: due i vincitori ex aequo, Elena Rosi e Daniele Mu dell’ateneo fiorentino che hanno ricevuto 2mila euro a testa.

Favilli nel raccontare il suo volume ha parlato di “storie di donne straordinarie del passato e del presente, donne che hanno fatto imprese in qualsiasi campo: scienziate, atlete, giudici, leader politici, chef”. Nel corso della cerimonia, alcune di queste storie, come quella dedicata a Margherita Hack o ad Alfonsina Strada, sono state lette dall’attrice Daniela Morozzi.

A chiudere la cerimonia, il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani che ha voluto fare i “complimenti ad un esempio di genio toscano che si è affermato a livello internazionale. Quando parliamo di genio toscano – ha precisato Giani – parliamo di quel senso di curiosità, di desiderio, di innovazione unito al senso di appartenenza e alle solide radici nella sua terra”. Il presidente Giani ha concluso invitando Favilli ad inserire nel suo prossimo volume che uscirà a marzo 2018, la storia di una “toscana straordinaria, l’Elettrice palatina, Anna Maria Luisa de’ Medici”.

Alla cerimonia erano presenti anche gli alunni della quinta elementare Domenico Giuliotti di Greve.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *