Agrivoltaico: sotto i pannelli solari prosperano i pascoli

Secondo lo studio “Remarkable agrivoltaic influence on soil moisture, micrometeorology and water-use efficiency”, pubblicato su PLOS One da Elnaz Hassanpour Adeh , John S. Selker e Chad W. Higgins del Department of Biological and Ecological Engineering, Oregon State University (Osu), «I pannelli solari potrebbero aumentare la produttività sui pascoli che non sono irrigati e nemmeno stressati».

Il nuovo studio ha rilevato che le erbe e le piante prosperano all’ombra sotto i pannelli solari grazie a un significativo cambiamento di umidità. I risultati sostengono l’agrovoltaico: l’utilizzo dello stesso terreno sia per i pannelli solari che per l’agricoltura. L’idea è di coltivare cibo e produrre energia pulita allo stesso tempo».

Come spiegano all’Osu, «Test del concetto di agrovoltaico sono in corso in diversi siti nel mondo. I ricercatori che stanno dietro questi esperimenti su larga scala stanno testando se le colture possono crescere altrettanto prolificamente all’ombra dei pannelli solari come se fossero in pieno sole, e stanno scoprendo quale sia la migliore inclinazione e disposizione dei pannelli solari».

Come succede spesso, il team dell’Osu è arrivato per caso a questi risultati: camminando davanti a uno degli impianti fotovoltaici del campus universitario, Higgins si è accorto che l’erba più verde cresceva all’ombra della fila di pannelli, quindi il suo team ha installato strumenti per misurare la temperatura dell’aria, l’umidità relativa, la velocità del vento e l’umidità del suolo nelle aree sotto i pannelli e nelle zone esposte alla luce solare diretta. Misurazioni che sono state condotte tra maggio e agosto 2015 e alla fine è stata anche pesato la biomassa fuori-terra nelle diverse aree.

I ricercatori statunitensi hanno così scoperto che «Le aree sotto i pannelli solari avevano un microclima diverso rispetto alle aree esposte. Le aree ombreggiate erano il 328% più efficienti in termini di acqua e mantenevano un’umidità del suolo più elevata durante il caldo estivo». Questo porta a raddoppiare l’erba sotto le file di pannelli solari rispetto alle aree non ombreggiate e le piante hanno anche un maggior valore nutritivo. A fine stagione, gli scienziati dell’Osu hanno anche riscontrato un aumento del 90% della massa vegetale nelle aree sotto pannelli fotovoltaici.

Higgins spiega che «Le piante in pieno sole usano l’acqua il più rapidamente possibile e poi muoiono, mentre quelle in ombra sono meno stressate e usano l’acqua lentamente».

I ricercatori concludono: <Non tutte le colture saranno adatte per la gestione solare, e l’economia della gestione solare attiva con pannelli fotovoltaici ha bisogno di ulteriori studi. Ma i pascoli semi-aridi con inverni umidi possono essere candidati ideali per sistemi agrivoltaici, supportati dai notevoli guadagni di produttività».

Notizia tratta dal sito www.greenreport.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *